martedì 15 novembre 2011

Tutto quello che avremmo potuto essere io e te se non fossimo stati io e te


Ecco alcuni stralci dell'ultimo libro che ho divorato....lascerò parlare lui oggi...mi limiterò a riportare alcune delle frasi che mi hanno colpito di più...

"Non credo nel fatto di amarsi, nel morire d'amore, nel sospirare per un altro, nello smettere di mangiare per qualcuno di speciale.
In compenso, ho sempre creduto che i cuscini si portino dentro una parte dei nostri incubi, dei nostri problemi, dei nostri sogni. E' per questo che usiamo le federe, per non dover guardare le tracce della nostra vita."

"...le rughe sono solo il risultato delle preoccupazioni e della cattiva alimentazione."

"Si scoppia a piangere o a ridere. E credo che valga la pena ridursi in pezzi per quel genere di emozioni."

"Ci sono cose che, se venissero dette ad alta voce, svelerebbero segreti troppo sconvolgenti per riuscire a reggerne l'impatto."

"Quante volte ci è successo di nascondere qualcosa di prezioso così bene che non l'abbiamo più trovato..."

"Le paure fanno parte di noi. Tutti abbiamo delle paure, ma per fortuna in questa vita quasi mai nessuno ci viene a chiedere quali siano le nostre."

"C'è qualcosa di desolante, di triste nel rendersi conto di rientrare nella massa per cui il lavoro e la creatività viaggiano su binari diversi."

"Diceva che i punti finali rendono la vita troppo facile. I punti e a capo e quelli di sospensione stimolano l'intelligenza."

"Non sono gli estremi a definirci."

"Mi parlava spesso dello spessore del silenzio"

Leggetelo, a me è piaciuto... chissà a voi...

Joy